Copywriting: le skills e le regole di un buon copywriter


Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function 'wp_pre_kses_block_attributes' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.saraferrario.com/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 288

Che cosa si intende per copywriting?

Il copywriting è un contenuto scritto che viene trasmesso attraverso un media online o costruito per il materiale di stampa. “Copywriting” può essere meglio riassunto come “scrivere per la pubblicità”: il copywriter è colui che redige contenuti persuasivi e orientati alla conversione dell’utente. Si occupa di trovare le parole giuste, semplici e chiare per comunicare e dosare un concetto identificato dalla copy strategy. E ancora, è in grado di sfruttare la forza semantica delle parole al fine di aumentare la brand awareness o di persuadere le persone a compiere un’azione.

Skills da avere

Ascoltare: che cosa vuole sentirsi dire la target audience? Cosa sta cercando? Che cosa si aspetta? Una fase di ricerca e ascolto deve porsi queste domande per produrre un messaggio adeguato.

– Capire: bisogna ascoltare bene i rumors delle community online, i trend del settore, i commenti sui social. Sono elementi che aiutano a capire e a rafforzare la relazione con il target di riferimento.

Informarsi sugli ultimi trend: I social media ampliano la portata comunicativa all’infinito e riducono di gran lunga di tempi dell’attualità di un evento. Gli argomenti in trending topics sono un flusso continuo, l’abilità di un buon copywriter è quella di saper reagire al continuo flusso e rinfrescare sempre i contenuti rendendoli il più attuali possibili. Quindi, quando si scrive, tenere sempre aperto Google Trends.

Adattabilità: non tutti i contenuti devono cavalcare l’onda dell’attualità. È importante essere in grado di costruire contenuti “main” più istituzionale che rimangono nel tempo. L’adattabilità del contenuto può essere fatta, utilizzando tone of voice diversi a seconda dalla piattaforma su cui verrà veicolato. Ad esempio articoli sui blog, contenuti per i social media, website copy e infografiche necessitano di stili differenti.

Capacità di catturare il lettore: ad esempio come è possibile catturare il target ancor prima che con il contenuto? Visivamente. Nel costruire un articolo per un blog bisogna posizionare i contenuti in modo accattivante.

Da dove partire? Con un buon template per la pagina del blog, progettando un look funzionale e comunicativo. I 6 elementi su cui focalizzare l’attenzione quando si scrive sono:

headline e sub heading chiare

contenuto testuale alternato ad immagini

paragrafi corti e semplici

corsivo, grassetto o un colore diverso per enfatizzare le keywords

elenchi puntati

– link a contenuti esterni rilevanti

Le regole di un buon copywriter

Un buon copywriter si approccia alle parole, facendo attenzione a prediligere quelle che sono più forti e che convincono il lettore alla lettura.

Sia per l’online sia per la parte offline ci sono delle caratteristiche da avere ben presente quando si costruisce un copy: deve essere orecchiabile e attirare l’attenzione, deve essere istruttivo, saper incentivare l’utente.

L’headline è il motivo centrale ed il contenuto ricorrente di una campagna pubblicitaria. Deve essere unica e molto specifica oltre che focalizzata sull’argomento. È fondamentale comunicare la necessità di urgenza, il beneficio per l’utente.

Regole ancora più spiccie

Il contenuto del copy che si costruisce ha la necessità di essere anche bello da vedere: bisogna scegliere parole che siano accattivanti anche da un punto di vista visivo, parole che possono fare da esca anche per un target differente.

È importante utilizzare il tempo presente perché comunica immediatezza, qualcosa che non può essere più rimandato. Nella costruzione della frase privilegiare sempre la forma attiva e non quella passiva: la lettura della frase risulta più scorrevole e il messaggio è istantaneo.

Cosa non deve mai mancare?

La chiamata all’azione: la CTA in chiusura di un testo. Può essere l’ invito a cliccare su un annuncio o ad un link, oppure un coupon da consegnare in un punto vendita, un qr code da scanerizzare: deve sempre esserci un’azione che inviti l’utente ad interagire con il brand. In questo modo si avvicina l’utente, lo si aiuta ed invita ad ottenere maggior informazioni.

Quali sono invece i segreti del content creator? Scoprili qui.

Related Posts

Instagram: Wall Design & Visual communication per feed impattanti

Instagram: Wall Design e visual communication. Sono questi i due elementi per rendere il profilo accattivante ed evitare un feed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *