Content Creator

Content creator: chi è e cosa fa

Il content creator trasforma le idee e i concetti in contenuti fruibili per il web: mette a punto le strategie di comunicazione partendo dalle parole.

Un progetto comunicativo è un processo che coinvolge l’intero team di comunicazione: vengono definiti i destinatari del progetto, gli obiettivi, il tipo di linguaggio, i contenuti, la grafica e gli apporti multimediali.

 

Quali saranno i Social Media Trends 2021 e le aspettative digitali? Vuoi scoprire quali le 2 features di Instagram per il 2021? Leggi l’articolo “Social Media Trends 2021: quali sono le novità?”

 

Qual è il compito del content creator?

Il Content Creator si occupa di coordinare ed all’occorrenza produrre i contenuti in lingua per i siti web esistenti, coordinare il messaggio per i contenuti online e il materiale offline, l’e-commerce e le attività marketing correlate (newsletter, dem, display adv, Social Media).

Coordina la produzione e la localizzazione degli stessi contenuti secondo le esigenze di marketing. Ha come obiettivi principali creare, aggiornare e monitorare la coerenza ed efficacia dei contenuti prodotti, controllare che siano funzionali e di impatto.

Uno dei compiti principali è quello di rivedere e verificare l’adeguatezza dei contenuti realizzati, sia rispetto ai requisiti iniziali del brief e sia alla coerenza rispetto ai valori e all’immagine del brand.

Ancora il compito non finisce qui, è necessario testare, analizzare e monitorare l’efficacia e le performance dei contenuti realizzati.

Le figure di content creator più completo si occupano della strategia di comunicazione del brand a 360°: dalla creazione di testi per il sito web e i canali social, al montaggio di video con musiche e infografiche per offrire diversi contenuti multimediali da distribuire nei touchpoint digitali del brand.

Quali sono le principali attività del content creator?

  • Ideare e coordinare un progetto di comunicazione che sia in linea con gli obiettivi del cliente, con il target di riferimento;
  • creare una linea editoriale di produzione dei contenuti chiara e distintiva; riuscire ad ideare e definire prodotti multimediali (non deve necessariamente saperli realizzare in prima persona);
  • Lavorare con un team di lavoro editor, webmaster, grafici, videomaker, e ogni figura professionale che può contribuire alla creazione di contenuti multimediali autorevoli.

 

Qual è il lavoro giornaliero di un digital content creator?

Il lavoro giornaliero del content creator è quello di migliorarsi sempre. Nelle stesure dei progetti e nelle linee guida creative bisogna sempre fare attenzione a tre elementi fondamentali: l’utente finale, i contesti specifici di riferimento, i media coinvolti.

È del 1996 la citazione “content is the king” di Bill Gates. Molto utilizzata con riferimento al content marketing. Un concetto semplice che riassume così la produzione di: contenuti unici, di alta qualità, interessanti e pertinenti contribuiscono in modo significativo al successo delle aziende nel web.

I digital content creator utilizzano i contenuti esistenti o ne creano di nuovi per suscitare interesse in un prodotto, servizio o brand. Blog, pagine Web, copy per Google Ads, post sui social media, e-book, guide pratiche, video. Questi sono tutti format di comunicazione su cui i content creator lavorano giornalmente scegliendo e studiando ogni parola da utilizzare.

Le parole sono il centro di queste attività. Keywords, linkbuilding e SEO si intrecciano quotidianamente alla creazione del contenuto per ottimizzarlo al meglio per i motori di ricerca ed il web.

Come rimanere aggiornati?

– Leggere le news del settore ogni giorno. È una condizione essenziale per creare contenuti vincenti. Aggiornarsi ogni giorno permette di avere una visione chiara del contesto in cui si opera e oltre ad avere un riferimento storicamente rispetto a quello che è accaduto nel loro settore.


– Scrivere regolarmente. Aiuta ad evitare il blocco dei contenuti. I content creator di successo comprendono l’importanza di mettersi alla prova ogni giorno: testarsi anche un articolo, un progetto “prova” può essere il punto di partenza per trasformare idee in progetti da ampliare e mettere in atto in seguito.


– Studiare il pubblico di riferimento del settore e definire il tone of voice. Esamina il tuo target di riferimento. Qual è il beneficio che si aspettano? Con quale pubblico ti devi interfacciare? L’analisi del pubblico deve comprendere sia un’analisi delle tendenze e preferenze di consumo sia i dati demografici (età, genere, posizione, dimensione della famiglia, titolo di lavoro, stipendio)

 

Vuoi avviare la tua attività da content creator e hai bisogno di una supporto per incominciare? Contattami e capiamo insieme cosa posso fare per te!

 


CONTENT MARKETING DA DOVE COMINCIARE?

Il primo punto di partenza: Content marketing: come pianificare una strategia

Un’altra possibilità per pianificare una content strategy vincente è il modello a Piramide Hero, Hub, Hygiene che suddivide i contenuti in base alle tre categorie

Le caratteristiche di una strategia di visual content marketing: immediatezza e semplicità, trasversalità del messaggio, fattore emozionale.

Metodo POST: persone, obiettivi, strategia, tecnologia. Le quattro variabili da cui partire per un’azienda attiva in rete

Comments are closed.